Articolo su “l’Unità” di Roberto Caminiti e di Maria Antonietta Coscioni sul Decreto legislativo di attuazione della direttiva europea 2010/63 sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici, approvato dal Consiglio dei Ministri nella riunione del 28 febbraio 2014 a Palazzo Chigi.

APPELLO PER LA DIFESA DELLA LIBERTA’
DI RICERCA SCIENTIFICA IN ITALIA

Click here for english version

La Legge di delegazione europea 2013, n. 96, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, Serie generale n. 194, del 20/08/2013, è entrata in vigore il 4/09/2013.

L’art. 13 della legge, che riguarda il recepimento della Direttiva EU 63-2010 sulla protezione degli animali usati per la ricerca scientifica, costituisce un gravissimo attacco alla libertà di ricerca scientifica e produrrà seri danni alla ricerca biomedica ed alla salute nel nostro Paese.

L’articolo 13, infatti, tende a modificare lo spirito e la sostanza della Direttiva EU nel suo processo di recepimento  in legge nazionale. Esso prevede le seguenti norme:

1) Divieto di utilizzare cani, gatti e primati non-umani per la ricerca fondamentale. Se approvato, questo emendamento comprometterebbe seriamente non solo alla ricerca di base, ma anche quella biomedica, in quanto quasi tutte le terapie oggi in uso costituiscono sviluppi applicativi di ricerche fondamentali.

2) Limitare il riutilizzo degli animali sperimentali a quelli la cui procedura precedente era classificata come “moderata”.  Questo punto riguarda quei progetti sperimentali che per riprodurre importanti modelli di patologia umana richiedono un re-intervento sull’animale e la valutazione del livello di sofferenza indotto. Tali procedure sono molto frequenti nella sperimentazione animale e non devono essere impedite da norme speciali.

3) Divieto, privo di ulteriori specificazioni, degli esperimenti senza anestesia. Questa norma impedirebbe ricerche su moltissimi fronti, in particolare dolore, ictus e, in una applicazione restrittiva, anche quelli di neurofisiologia del comportamento su primati non umani. Inoltre, limiterebbe fortemente gli studi tossicologici.

4) Norme cautelari speciali per l’uso degli animali transgenici. Tali norme non sono specificate. Ciò che viene specificato in maniera sorprendente è che esse dovranno essere ispirate dall’analisi del  rapporto danno-beneficio, del benessere dell’animale e di paventati rischi per l’ambiente e l’uomo. Norme cautelari ispirate da questi principi finirebbero inevitabilmente per limitare la ricerca fondamentale e quella relativa alla causa di molte malattie, poiché non riconoscono il rapporto tra fisiologia e patogenesi. E’ da sottolineare come per  l’uso degli animali transgenici la direttiva europea non prevede alcuna norma speciale, diversa da quelle che si applicano agli altri animali.

5) Divieto di utilizzo degli animali per  xenotrapianti.  Gli xenotrapianti sono fondamentali per terapie innovative e sperimentali volte alla cura di  patologie molto gravi, per i trapianti d’organo, resi spesso problematici per la carenza di organi compatibili, per  lo sviluppo di terapie antitumorali personalizzate, per la ricerca di tipi più avanzati e sicuri di valvole cardiache.  L’utilizzo di queste tecniche ha salvato milioni di vite umane ed il loro abbandono metterebbe a serio rischio la salute dell’Uomo.

6) Limitazione delle ricerche sulle sostanze d’abuso. Le tossicodipendenze secondo i dati 2012 del Dipartimento Politiche Antidroga riguardano, oltre 2.000.000 di italiani. I meccanismi della dipendenza non sono ancora del tutto chiari, rendendo difficile lo sviluppo di farmaci terapie adeguate, incluse quelle rivolte alla sindrome di astinenza neonatale che colpisce i nati da madri tossicodipendenti, per il cui trattamento la ricerca sta ottenendo ottimi risultati proprio grazie ai modelli animali.

7) Divieto di creare in Italia allevamenti per cani, gatti e primati non-umani  destinati alla ricerca scientifica. Ciò comporterebbe, sul piano economico, un aumento dei costi d’acquisto e dipendenza dall’estero, su quello scientifico impossibilità e/o estrema difficoltà di fare ricerca sullo sviluppo pre- ed immediatamente post-natale su queste specie.  Molte ricerche verrebbero spostate all’estero, con evidente danno per la scienza e l’economia italiane.

L’aspetto comune a tutti questi  emendamenti è che essi vanno ben oltre quanto indicato dalla Direttiva EU 63-2010, intaccando così uno dei suoi pilastri fondativi, l’armonizzazione delle regole nei diversi Stati dell’EU. Tecnicamente ciò porterebbe il nostro Paese in procedura di infrazione, scientificamente metterebbe la ricerca italiana fuori dall’Europa, con gravi danni per l’economia e la salute pubblica in Italia.

Fabio BenfenatiProfessor of Physiology, University of Genova

Giovanni BerlucchiProfessor Emeritus of Physiology, University of Verona 

Roberto CaminitiProfessor of Physiology, University of Rome SAPIENZA, Chair, Committee of Animals in Research (CARE), Federation of the European Neuroscience Societies (FENS)

Enrico CherubiniProfessor of Physiology, SISSA, Trieste, President of the Italian Society of Neuroscience (SINS)

Francesco ClementiProfessor Emeritus of Pharmacology, University of Milan, and National Council of Research, Milan

Gaetano Di ChiaraProfessor of Pharmacology, University of Cagliari

Silvio GarattiniDirector, Institute for Pharmacological Research Mario Negri, Milan

Jacopo MeldolesiProfessor Emeritus of Pharmacology, University Vita-Salute San Raffaele, Milan, past President of the Italian Federation of Life Sciences

Giacomo RizzolattiProfessor Emeritus of Physiology, University of Parma

Carlo ReggianiProfessor of Physiology, University of Padua, President of the Italian Physiological Society

Piergiorgio StrataProfessor Emeritus of Physiology, University of Turin

FIRMA L’APPELLO

Modulo di adesione

Dr. Janez Potočnik

[signature]

Firma
13,458 signatures

Passaparola...

   

ATTENZIONE
Dopo aver firmato il modulo online si riceverà una email per confermare l’adesione.

NON HO RICEVUTO NESSUNA MAIL
Se entro 24 ore dalla firma non è stata ricevuta la mail per confermare l’adesione, assicurarsi che non sia finita nella casella SPAM. Se non risulta presente inviare una mail a info@salvalasperimentazioneanimale.it indicando i propri dati inseriti al momento della firma online e scrivendo “CONFERMO ADESIONE APPELLO”. Provvederemo a convalidare noi i dati. Prima di inviare la mail assicurarsi di aver compilato correttamente il modulo della firma online.

Ultime sottoscrizioni
13,458Tiziano ManciniLugoImpiegato
13,457Gennaro PorzioPompei
13,456eleonora bardipaviadottoranda
13,455Francesco Simonellitolentinodisabile
13,454FRANCO FELICIROMATAXISTA
13,453Marco Padula
13,452francesco rosellicoratooperaio
13,451Sara CanaliMilano
13,450Miriam GagliardiSalernoBiologo Molecolare
13,449Mario MarcolongoPomigliano d'Arco
13,448STEFANO BELIGNIMILANO
13,447Chiara MoroncelliGenovaControllore traffico aereo
13,446Mattia MelaImperiaStudente di ingegneria
13,445Giorgia RaffaCianciana
13,444Emiliano Ippolito
13,443Mattia PaoneLatina
13,442filippo zulianpadovastudente
13,441simona santorocernusco s/ndipendente
13,440Francesca AguzziPavia
13,439Pietro SantoroPaviaStudente medicina

© Copyright - Salva la Sperimentazione Animale